Lettori fissi

lunedì 13 aprile 2020

Gigi Riva e sa Natzionali


M'arregordu ca  in su 1970 si disputesit su Campionau Mondiali de su Futbol, in Messico. In sa squadra de s'Italia giògada intzarasa mitadi de su Casteddu e Gigi Riva potàda sa maglia n. 11.
Deu a Riva,  d'hia biu gioghendi a su stadiu Amsicora, innui mi bitìada fradi miu Marinu, su spacciau, ca mi obìada su beni de su mundu e m'arregolliada a mari cun amigus e a baddai, in giru po is clebbixeddusu da sa provincia, anca sonànta is cumplessinusu e si cuccàda (fradi miu m'hiada contzillau de istringi is pivellasa, ballendi i lentusu, ch'intzarasa fianta "Senza luce", "L'ora dell'amore", "Child in time" e atrus ancora, poita  a is feminasa praxiada aici).
A s'hora deu tenìa sexannusu. Ma femu contendi de Gigi Riva e de su stadiu Amsicora.
A su dominigu, candu giogàda su Casteddu si patìada de bidda a facc'e' sa una e mesu(ma de sa provincia de Nugoro e de Tathari patianta ammengianeddu chitzi, cun su proceddu arrostiu, su casu marzu e su binu nieddu in sa betua), po essi ingunisi a is duasa, duasa e mesu. Sa partida inghitzada a is tres oras.
M'arregordu candu ci fiada una punitzioni, fintzasa a trinta, cuaranta metrusu de sa porta avversaria. Gigi Riva si piatzàda su palloni; calàda unu silentziu in totu su stadiu.
Gigi pigàda sa mira e apustis s'affraccada; fiada cumenti chi totus is animas casteddaias e sardas presentisi spingessinti cun sa fortza de sa voluntadi insoru,  sa boccia chi Gigi Riva hiada piatzau;  su portieri e is terzinus de sa barriera si tremianta i' mudandads; sa castangia de Gigi Riva fìada u razzu capassi de segai una camba, sfundai is pitturras o de sfasciai sa conca de un homini. E candu sa boccia intrada in sa porta, sbentiendi a  sa reccia, unu tzerriu si pesàda fintzasa a ceu! Gigi Riva parteneciada a ingui, a su xeu, fiada u deusu de su palloni cabau in terra po s'arrescatu e sa gloria de is Sardus e de su Casteddu!
Po meritu de Riva (e de Rivera, chi di ponìada sa boccia in conca e in su pei mancinu) s'Italia lompesit a sa finali, apustis de binci s'epica batalla cun sa Germania: 4 a 3 me is supplementaris!
Ma sa finali fu trista: sa copa Rimet da bincesit su Brasili.
Nosu tenestusu unu deusu de su palloni, ma cussusu ndi tenianta undixi!
... continuada...https://www.amazon.it/dp/B082MSDT7Y

sabato 8 febbraio 2020

I mali della giustizia italiana


In questo periodo molti, anche tra gli addetti ai lavori (magistrati e avvocati, ma non solo) si interrogano sulle cause dei mali che affliggono la giustizia italiana.

E' troppo facile, perfino superficiale, attribuire tutte le responsabilità alla nostra classe politica, che sicuramente non ha brillato né in lungimiranza, né in capacità organizzativa. 
Il problema della giustizia italiana, a mio parere,  nasce subito dopo le grandi riforme degli anni settanta; quelle che hanno spianato la strada al riconoscimento, e alla conseguente rivendicazione in giudizio dei relativi diritti. 

La classe politica italiana, del decennio successivo, quella degli anni ottanta, non è stata all'altezza della situazione. Forse era ancora sotto choc per l'uccisione dello statista Aldo Moro da parte delle Brigate Rosse e, probabilmente, si sentiva in pericolo e si è barricata nel Palazzo, pensando  a salvare la propria pelle dai terroristi  delle B.R.; e l'ultimo dei suoi pensieri era l'organizzazione e il funzionamento della giustizia. E poi, mi pare che quelli fossero gli anni "della Milano da bere" o sbaglio? La classe politica era in tutt'altre affaccendate.

Negli anni novanta, quel poco di classe politica valida, sopravvissuta a Moro (in questo le B.R. sono stati chirurgicamente precise, uccidendo il migliore tra i democristiani, l'unico politico italiano che avrebbe potuto portare l'Italia nel mondo del terzo millennio), è stata spazzata via da Mani Pulite.

Occorre rileggere tutta la nostra storia, dal maggio 1978 ( o se vogliamo, anche solo dal 1992 )in poi prima di mettere ancora mani alla giustizia.

 Si tratta in realtà di riformare tutto lo Stato, a cominciare dai rapporti tra la magistratura e la politica: due organi che fanno parte dello stesso organismo, non possono essere perennemente in conflitto.

Può forse una mano accecare l'occhio? O un piede andare a destra, e l'altro in direzione opposta? Può forse il fegato oppure i reni decidere di svolgere una funzione contraria a quella per cui sono deputati?

E' proprio quello che è successo con Mani Pulite. Una parte dello Stato, la magistratura, ha deciso di demolire un'altra parte dello Stato, la classe politica, colpendo senza pietà i vertici dello Stato. 

I risultati sono sotto gli occhi di tutti.

Che sia chiaro:io non intendo assolvere i politici corrotti e condannare i giudici che li hanno sbugiardati e ridicolizzati, mostrando all'opinione pubblica le loro malefatte, la loro ingordigia, la loro protervia.

Nessuno mi ha costituito giudice per face una cosa del genere.

Io cerco di fare semplicemente un'analisi corretta di ciò che è accaduto. Lo Stato è come un organismo, un corpus composto da tanti organi, che devono collaborare e coordinarsi, per il bene di tutti.

Questo corpus comprende anche i comizi elettorali, il popolo elettore, il corpo elettorale. E anche su quello avrei da fare importanti osservazioni. 

Per adesso chiederei alla magistratura di tornare a scrivere sentenze, interpretando correttamente le norme giuridiche. Basta riflettori e telecamere puntate sulla giustizia.Basta coi magistrati protagonisti in TV. I magistrati tornino nelle aule di giustizia e svolgano, diligentemente, il ruolo che gli assegna la Costituzione.

Ai politici chiederei delle altre cose. Ma di questo vorrei parlare e scrivere un'altra volta.

1. continua...

mercoledì 25 dicembre 2019

Auguri a tutti

Auguri a tutti i lettori di questo blog e della rete! Buon Natale. Merry Christmas and Happy New Year! 

sabato 21 dicembre 2019

Is avventuras de su pisittu Gigettu



Na' ca ci fiada, in d'una bidda attesu, attesu, dus isposus ca, mancai si obessinti bei diaderus, no fiant' arrennesciusu a tenni fillusu.
Una die Carla, ca tottus tzerrianta Lalla, naresit a Romulu:
-" Una collega m'ha' pediu a isci' chi bollu su pisitteddu c'ha fattu sa pisitta sua."
Romulu, ca connosciada bei a sa mulleri, cumprendesit ca issa hiat giai ditzidiu de pigai in domu cussu pisiteddu ma preferesit de camufai su scarsu entusiasmu a pabas de una pregunta interlocutoria:
-          “Ma podit essiri  ca is pisittas fetzanta sceti unu fillu?? Deu mi credia chi angessinti a cuatru a cuatru!"”
-          “Ehia” – arrispundesit  Lalla – “ma parit chi custa borta siada unu fillu unicu !”.
Apustis de unu pagu dias, un offeddu  de pilu maculau a grogu fesit s'intrada  in domu 'nsoru. Aprimitziu su pisiteddu arrodiesit  po sa domu , mesu maravilliau e mesu stontonau , visitendi is aposentus , e fadendi  su viaggiu aintru de sa cuccia e de s'isterzu  ca  Lalla d'hia' sistemau in sa  veranda serrada.
Acabada custa fasi esplorativa pighesit  a s'accucciai me is peis de Lalla, po infinisi  ammostai de agradeci  sa cumpangia sua fintzasa in  su megàma, sartendiddi  in coa delicatamente, apustis de s'essi accostau suspettosu, e consumendi impari sonnus di oru. Su pisitteddu hia' scioberau su meri su!


Lalla detzidesit de du tzerriai Luisu, fortzis po onorai su rey  frantzesu Luisu XIV, pero apustis pighesit a du tzerriai cun su schenceriu de Gigettu. Du fueddàda cumenti si fueddessidi a cussu pipiu chi tanti hiai disigiau, ponendiddi preguntasa, chescendisi candu su tempu fiat malu e gosendi cun issu cantu ci fiada su sobi, arreprocendiddu, ma cun tanti amori,  candu fadia’ troppu su scadralluttu  ( e arraminiu doi fiada, fattu-vattu cussu ambueri de pisitteddu).
Su pobiddu da pigàda in giru po custu fattu.
-          “No t’has a crei ca su pisittu immui t’arrispundada!”
Ma Lalla continuàda a du fueddai cumenti si fessidi unu pipiu e no s’incuràda de is brullas chi di fadiàda  su pobiddu.
Calincuna ‘olta, candu fiada nervosa, d’arrespundiada infadada: “ Tui se’ cunvintu ca su pisitteddu no cumprenda’ nudda, pero ti sballiasa! Ti du potzu assegurai”
Ma fianta certus de innamoraus e nudda de prusu!
... continuada...
Disponibile anche in lingua italiana al link di Amazon: https://www.amazon.it/dp/B07Z2NG18H

mercoledì 4 dicembre 2019

Evviva il Teatro a Scuola



La ricreazione è finita
Atto Unico di Ignazio Salvatore Basile

Personaggi e interpreti

Prof. Salvatore Polito insegnante di anni 65
La Classe 5 C:  una classe qualsiasi di un Tecnico qualsiasi
Un Bidello


Scena prima
( Una qualsiasi aula di una qualsiasi scuola media superiore. Sulla destra gli spettatori vedranno una cattedra con poltroncina.  Sulla parete centrale una lavagna nera, a muro, con gessetti e cancellino. Sulla sinistra degli spettatori una dozzina di banchi disposti su tre file, con due sedie per ciascun banco. Dietro i banchi una lunga fila di attaccapanni. La parte che immette in scena sarà a destra della lavagna La stessa porta servirà agli studenti per uscire. La scena si apre con il prof. Polito che si è appisolato con il capo leggermente reclinato sulla mano sinistra. La classe è naturalmente scatenata: molti chiacchierano; qualcuno lancia delle pallottole di carta; qualcun altro canticchia dei motivetti pubblicitari alla moda del periodo; il dramma è ambientato nel 1995.)

Primo studente (spruzzandosi del deodorante sotto le ascelle)
-         Per l’uomo che non deve chiedere…(batte il pugno sul banco) MAI!!!
Secondo studente (sempre a mo’ di slogan pubblicitario)
-         Rafforza lo smalto dei denti e… (soffiando sul palmo della mano)rende l’alito profumato!
Terzo studente (dopo aver bevuto da un contenitore con cannuccia, rivolto al quarto studente)
-         MIRA EL DITO PEDRO!!!!
Quarto studente (riviolto al precedente)
-         E cosa vuoi di più dalla vita?

Tutta la classe in coro: UN TUCANO!!!!!!

Quinto studente (mettendosi un dito trasversalmente sulle labbra)
-         SSSSSHHHHHH!! Tutti zitti!!! Facciamo uno scherzo al prof! (e avvicinandosi guardingo alla cattedra, dopo avervi poggiato il suo cellulare) Facciamo squillare il cellulare (e rivolto al sesto studente) passami il tuo , svelto!!!
Altri studenti – Sì, sì, dai! Figo! Dai che ridiamo!!!

Sesto studente (imponendosi, mentre il quinto studente digiterà sogghignando il numero del cellulare posato sulla cattedra) Zitti, sennò si sveglia e addio scherzo!

Dopo una brevissima pausa di silenzio si udrà, dal cellulare sulla cattedra, un suono a metà tra una sirena e una campana.

Il prof (scuotendosi dal momentaneo torpore, si solleverà in piedi, agitandosi)
-         Aiuto! Presto! Ai rifugi! Son tornati i bombardieri nemici! (poi, tra le risate generali, rendendosi conto della situazione) Ehm… Scusate… volevo dire… C’è la ricreazione!?
Settimo studenti (armeggiando con un pacco di biscotti in mano)
-         RINCO PEOPLE!!!
(Ancora risate generali)
Ottavo studente
-         Non è ancora l’ora della  ricreazione, prof!

Prof (arrabbiandosi)
-         Allora cosa ci fate in giro? Tutti al proprio posto!

SCENA SECONDA
(Detti e il Bidello)
Bidello (affacciandosi alla porta)
-         Si può?
Prof (andandosi a sedere e invitando ancora una volta gli studenti ad accomodarsi)
-         Certo, signor Flavio, si accomodi. E voi, al posto, per piacere!
Bidello (consegnando alcuni fogli che reca in mano)
-         Ci sono due circolari, professo’!
Prof
-         Bene, le lasci pure! Poi gliele mando in bidelle ria con uno studente!
Bidello (prima di uscire)
-         Va bene, ma faccia con comodo. Tanto nelle altre classi le ho già passate!


Scena Terza
(il professore e gli studenti)

Professore (schiarendosi la voce e imponendo il silenzio)
-         Fate attenzione! La prima circolare è indirizzata agli studenti, ai docenti, ai genitori e al personale A.T.A.e ha per oggetto: “Invio dati a mezzo supporti informatici e supporti cartacei.”
“ Si avvisano tutti i destinatari della presente in indirizzo, che codesto istituto sarà, a far data dal prossimo 1° aprile 95, collegato alla Banca Data del Ministero della Pubblica Istruzione. Alfine di un più sollecito disbrigo delle pratiche amministrative che le riguardano, si invitano le SSLL a produrre le loro istanze, richieste, segnalazioni  e  domande, sul modello elettronico di  autocertificazione e  su idoneo  supporto informatizzato (floppy disk, CD o missiva elettronica). Soltanto in casi di seria e documentata impossibilità, comprovabile ovviamente anche con apposita autocertificazione, verranno accettate le suddette istanze, richieste, segnalazioni, domande e quant’altro, su supporto cartaceo. Cagliari, 20 marzo 1995 F.to Il Provveditore agli Studi

Prof (prendendo in mano l’altra Circolare)
-         Tutto chiaro?
Studenti in coro (ironicamente)
-         Eeeehhh!!!
Studentessa (alzando la mano)
-         Ma prof, l’autocertificazione che comprova l’impossibilità di produrre il supporto informatico, va fatta, a sua volta, in cartaceo oppure su supporto informatico?
Prof (illuminandosi)
-         Brava1 Me lo sono chiesto anch’io! Potremmo proporre un quesito al Provveditore per capirci di più! E dovremo farlo necessariamente su un pezzo di carta. Altrimenti non riusciremo mai a dire che non siamo in grado di produrre un floppy, o un CD, o altra diavoleria informatica!
Uno studente
-         Cos’è questa storia? Io non c’ho capito niente!!!
Risate della classe!!!

Prof (rivolto allo studente che ha parlato per ultimo) Lasciamo stare! Tu ce l’hai il computer a casa?


Stesso studente
-         Certo che ce l’ho!
Prof
-         Allora non ti preoccupare! (poi accingendosi a leggere l’altra circolare) Passiamo a quest’altra…. Viene da Roma (scandendo la voce)
-         “ Ai presidi, ai docenti, agli studenti. A tutta la scuola!
-         OGGETTO: 50.mo Anniversario della Liberazione d’Italia.
(smettendo di leggere, ma sempre con la Circolare in mano) Quando l’ho letta in sala professori, questa Circolare mi ha fatto venire in mente il mio tema all’esame di maturità!
Così l’ho ripescato dal mio archivio personale e l’ho messo in borsa. Se volete, poi ve lo leggo, visto che siete in quinta e avete l’esame di maturità…

Altro studente (senza molta convinzione)Se proprio vuole…


Altro studente (senza curarsi di palesare la sua evidente scarsa attenzione)

-         Un tema? Che tema…?
Prof
-         Poi sentirai! Prima però leggiamo la seconda Circolare (riprende il tono di prima)
“ Approssimandosi il Cinquantesimo Anniversario della Liberazione, si raccomanda a tutti i docenti di intrattenere con gli studenti delle conversazioni che abbiano ad oggetto le vicende storiche del 25 aprile 1945 e i più importanti fatti storici e politici avvenuti prima e dopo evento, con particolare riferimento all’Armistizio dell’8 settembre 1943 e al Referendum istituzione del 2 giugno 1946. Firmato Il Ministro della Pubblica istruzione

(il Prof. Dopo aver  firmato le due circolari appena lette) Che ne pensate?

Uno studente
-         La storia, ma che palle, raga…!

Altro studente
-         Ma lei, prof., il 2 giugno del 46, ha votato per la Monarchia o per la Repubblica?
Terzo studente
-         Oh, a proposito, fra un po’ dobbiamo andare a votare anche noi e non so neanche chi cavolo votare…
Quarto studente (al prof)
-         E’ vero che se uno non va a votare, viene punito…
Quinto studente
-         Professore, perché non ci dice a chi votare?
Sesto studente(in tono disfattista9
-         Ma chi ci vuole andare a votare….?
Brusio degli studenti

Prof (imponendo il silenzio)
-         Dunque, vediamo di rispondere con un certo ordine: Punto primo, votare è un dovere non più sanzionabile; ma è inoltre  un diritto; e anche se il momento politico non è dei più brillanti, secondo me occorre sempre andare a votare. Almeno sino a quando non troviamo qualcosa di meglio, teniamoci stretti questa conquista, che è stata ottenuta comunque a caro prezzo. Anzi, direi che una delle grandi conquiste della democrazia è stato proprio il diritto di voto. Pensate, a proposito delle elezioni del ’46, che le donne hanno votato in Italia, per la prima volta, proprio in quella data…
Uno studente
-         E’ quello il famoso suffragio universale?
Altro studente (riferendosi polemicamente alla sua precedente domanda e prima che il prof possa rispondere alla precedente domanda)
-         Ma lei non mi ha risposto ancora se ha votato per il Re o per la Repubblica!!!
Altro studente (rivolgendosi con piglio al precedente)
-         Ma non lo sai che il voto è segreto?
Prof
-         No, lascialo parlare! Adesso rispondo (rivolgendosi allo studente polemico) Hai ragione, ma io non ti ho risposto perché pensavo che tui scherzassi. Io ero troppo giovane nel ’46 per poter votare. Avevo infatti solo sedici anni; oltretutto a quei tempi la maggiore età, e quindi il diritto di voto, si acquisiva a 21 anni!
Altro studente
-         E’ vero! Lo dice sempre anche mio nonno!!!
Commenti generali e chiasso in aula

Prof (riprendendo il controllo della classe)
-         Certo  se avessi dovuto votare sarebbe stato un bel dilemma!E un dilemma ancor più grande lo hanno dovuto affrontare quelli appena più grandi di me, subito dopo l’otto settembre del ’43! (frugando nella borsa e ripescandovi un foglio protocollo un po’ ingiallito dal tempo ). Il mio tempa di maturità parla proprio di questo dilemma…Se volete ve lo leggo…
Alcuni studenti realmente interessati, a turno, cercano di zittire quelli meno interessati.
-         Sì, certo! Vogliamo sentirlo! Su, lo legga! Zitti! Ssshhhh…
Prof.
-         Il titolo era il seguente: “Con riferimento alle vicende degli ultimi anni, parlate delle difficoltà in mezzo alle quali si è svolta la vostra carriera e dite in che modo avreste voluto potervi meglio preparare alla vostra futura attività professionale”



1.continua...

giovedì 14 novembre 2019

Donna, Curda e impegnata per i diritti umani


A chi dava fastidio una donna impegnata nella lotta per l'emancipazione femminile e per i diritti umani e per di più di etnia curda, nella società siriana di oggi?

Hevrin Khalaf, segretaria generale del Partito Futuro siriano, nota per l’impegno nella difesa dei diritti umani e a favore delle donne è stata barbaramente uccisa.

La sua  morte è correlata alla sua attività per la coesistenza pacifica fra curdi, cristiano-siriaci e arabi e contro la discriminazione di genere.

L'attivista siriana  Hevrin Khalaf, si opponeva al terrorismo islamico e combatteva  per il rispetto dei diritti umani e per l'emancipazione femminile.

Il Comitato per le Pari Opportunità dell'Ordine degli Avvocati di Cagliari, nel manifestare la propria viva preoccupazione in relazione a tali forme di repressione violenta, ha invitato  il Ministero degli Affari Esteri del Governo italiano, il Presidente del Parlamento Europeo, l’Alto Rappresentante per gli Affari Esteri dell’Unione Europea, l’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i diritti umani, i Presidenti del Senato della Repubblica e della Camera dei Deputati, il Conseil des barreaux europèens (Cebe), l’Oiad, il Consiglio Nazionale Forense e l’Organismo Congressuale Forense, UCPI ad attivarsi e ad assumere iniziative politiche e diplomatiche tese a far sì che vengano adottati provvedimenti immediati per la tutela dei diritti umani, volti ad ottenere la fine dell’invasione e dell’occupazione della Turchia nella Siria del nord e per una soluzione del conflitto, con la partecipazione e la rappresentanza di tutte le differenti comunità nazionali, culturali e religiose in Siria.

martedì 5 novembre 2019

Nell'Olimpo dei poeti



A volte anche i poeti hanno bisogno di un’iniezione di autostima e di orgoglio.
E’ quello che ho provato nel leggere che la mia nuova silloge poetica “Gli Arcani Maggiori” si trova al 37.mo posto in una speciale  classifica di Amazon dei libri di poesie più letti.
Sono andato a scorrere la classifica Amazon dei poeti e nei primi cinquanta  titoli dei libri di poesie  più letti ho trovato Omero, Dante Alighieri, Leopardi, Shakespeare, Whitman, Baudelaire, Garcia Lorca, Pavese, Alda Merini, Neruda e tanti altri bravissimi poeti. e al trentasettesimo posto c’ero davvero io, con il mio libro “Gli Arcani Maggiori”.
Ho provato una grande emozione, ma anche un grande orgoglio per essere stato inserito, almeno per una volta, nell’Olimpo dei poeti.